Hai fatto caso a quante cose si accumulano ogni settimana, ogni mese e ogni anno nelle nostre case?

Le soffitte, i garage, gli sgabuzzini traboccano di oggetti delle più varie specie. Gadget elettronici, attrezzi sportivi, libri, abiti, accessori, etc. riempiono scatole, sgabuzzini, armadi interi.

Il consumismo esige il suo prezzo e così, giorno dopo giorno, ti trovi ad avere sempre nuovi oggetti in sostituzione di altri che ancora funzionerebbero benissimo.

L’elettronica è probabilmente il più rappresentato di questi settori, insieme all’abbigliamento (e certo non sono i soli?. Ma, detto tra noi, a che serve accumulare tutte queste cose?

Se continui così sarai costretto ad affittare un secondo garage, o a traslocare in una casa più grande. Per poi, dopo qualche anno, trovarti nuovamente di fronte allo stesso problema. Dunque quale può essere la soluzione?

Io credo che la cosa più saggia per fare spazio (sia fisico che mentale) sia imparare a liberarti di ciò che non “vivi” più. Il lasciare andare (accettare  cioè la separazione) è una delle cose più difficili da impararsi. Se non riesci a farlo con le cose come farai a farlo con le persone quando questo si renderà necessario?

In che modo? Regalando a qualcun altro ciò che non usi più (anche se non sei davvero sicuro che non ti serva proprio più).

Non è difficile. Devi solo pensare che un oggetto che non usi è un pò come un giocattolo dotato di un’anima, la quale se dimenticata si intristisce ogni giorno di più. Ma se tu lo regali a qualcuno che lo usa, resusciterà a nuova vita.

Non è bello pensarla così? Un giocattolo che un bambino ha dimenticato può tornare a vivere facendo felice un altro bambino (non è forse quello che cerchiamo di insegnare ai nostri figli?).

Allora fallo anche tu! Che cosa aspetti?

Annunci